Malìparmi

Ridurre i costi di magazzino con la RFId nel fashion

L’azienda

Malìparmi nasce nel 1978 a Padova come piccolo laboratorio artigianale di pelletteria, specializzato soprattutto nella realizzazione di borse. Successivamente, grazie all’acquisizione di nuove competenze e il perfezionamento del know how sul total look, la collezione iniziale è stata estesa a tutto l’abbigliamento femminile, includendo anche calzature e accessori. Malìparmi ha subito dunque una trasformazione “naturale” nel corso degli anni, da laboratorio artigianale ad azienda di prestigio del settore moda.

Il contesto

Nel momento in cui Maliparmi ha deciso di gestire direttamente il magazzino è sorta contemporaneamente la necessità di rivedere la parte sull’integrazione col dipartimentale utilizzato fino a quel momento (gestito da terzi), cercando di sfruttare al massimo il supporto standard dell’ERP che era a disposizione.

Pertanto, con il supporto di BTG Tecnologie (Oggi Phloema srl) si sono valutate quelle che potevano essere le scelte tecnologiche più vantaggiose sulla base delle esigenze, tra le quali occupa una posizione di rilievo la compressione dei tempi di consegna. Infatti, la linea primavera/estate viene consegnata agli inizi di dicembre e per i primi giorni di gennaio almeno il 50% della produzione deve essere già stato spedito; lo stesso vale per la collezione autunno/inverno, in arrivo a metà maggio/inizi di giugno e pronta per le consegne a luglio. Nei restanti mesi ci sono poi i riassortimenti.

Per poter servire al meglio i nostri clienti, Maliparmi aveva bisogno dunque di un ciclo di distribuzione snello basato sulla rapidità dei tempi, soprattutto nelle fasi di carico e di picking. Detto questo, la tecnologia RFID garantisce di fatto il raggiungimento di tale obiettivo, oltre a una notevole riduzione dei costi legati alla gestione del magazzino.

In sintesi, avevamo molteplici esigenze da soddisfare e l’uso della RFID ci consentiva di farlo con un’unica tecnologia. Oltre alla
rapidità dei tempi di consegna, volevamo ridurre i costi legati al magazzino, mentre la tracciabilità ci è sempre interessata solo a fini produttivi e comunque non è stato il principale movente che ci ha spinto verso la RFID.

La soluzione

Tag
Ogni singolo item è stato corredato con un adeguato transponder RFId rispettando i vincoli grafici e
di dimensioni che il cliente aveva imposto.

Middelware

La gestione delle letture RFID è realizzata con un apposito middleware di BTG Tecnologie (Oggi
Phloema S.r.l.) interfacciato con il sistema gestionale centrale (Stelte) di Maliparmi con apposite
interfacce operatore per governare la lettura massiva e contemporanea di tutti i tag RFId.

Moduli installati

  • Stampa etichette RFId per commesse ed ordini di acquisto
  • Ricevimento merce
  • Controllo qualità
  • Prelievo per cliente
  • Spedizione
  • Reso da cliente
  • Inventario

Controllo qualità

Il processo di controllo qualità ha permesso un importante risparmio di tempo operativo. Oggi dal lotto ricevuto viene prelevato un il quantitativo di capi da inviare al controllo qualità, stabilito dalle procedure. I capi prelevati vengono tracciati con un apposito movimento attraverso la rapida lettura attraverso un varco RFId, mentre il resto della merce viene sistemata a scaffale pronta per la spedizione a cliente, ma in stato bloccato. Tale stato garantisce che sia durante le operazioni di prelievo del singolo capo che in caso di spedizione il tag RFId specifico venga bloccato ed evidenziato impendendo l’emissione dei documenti e quindi di completare l’operazione.

Reso da Cliente

La tracciabilità univoca della merce grazie al tag RFId ha permesso di individuare in automatico sia il documento con il quale il fornitore specifico a fornito la merce in origine, sia il documento di trasporto con relativa fattura che il cliente che rende ha pagato.
Si è quindi finalmente potuto emettere l’eventuale nota di credito con l’importo esatto legato al particolare prezzo di vendita applicato in origine e contemporaneamente individuare il lotto di provenienza del capo ed inoltrare la contestazione al fornitore.

Inventario

Le operazioni d’inventario sono eseguite con pistole RFId portatili dotate di un apposito applicativo per la verifica. Data l’identificazione univoca dei prodotti con RFId è possibile filtrare la tipologia di famiglia da inventariare rendendo così molto immediato il controllo effettivo della merce.

Ritorni d’investimento del sistema RFId

Il ritorno si è potuto misurare in diverse aree:

  • Riduzione del totale numero di risorse umane fisse per la gestione merce in magazzino
  • Riduzione degli addetti di magazzino per la gestione della stagionalità
  • Semplificazione del processo di addestramento degli operatori grazie alle procedure automatica fatte con RFId
  • Accuratezza dell’inventario di magazzino
  • Azzeramento errori di spedizione a cliente
  • Note di credito accurate ed automatiche
  • Riduzione dei furti all’interno del magazzino merci

Dicono di noi

Consulta l’ articolo su Wireless

 

Contattaci

Raccontaci di cosa hai bisogno, ti risponderemo rapidamente con un team di consulenti adatto al tuo business +